Presentazione XVIII edizione del Festival

img

Le grandi guerre lasciarono un segno indelebile anche al nostro Abruzzo, sulla linea Gustav persero la vita tantissimi esseri umani anche qui, nella nostra terra, fatta di pastori, agricoltori e pescatori.Questi ultimi, soprattutto, nei paesi litorali lungo la costa da Vasto a Ortona furono letteralmente decimati. La povertà, e l’impossibilità di andare per mare, svegliarono agli ultimi pescatori superstiti la scaltrezza di imparare a pescare sulla terra ferma. Inventarono così i “Trabocchi”.

Umili e piccole barche sospese in acqua in eterno, palafitte quasi preistoriche, scheletri di legno a bagno sopra scogli rigidi e spumosi, sostegno di reti pescose e ricoveri di vecchi e rugosi pescatori di terra. Non uno ma tanti, tanto da ribattezzare le nostre sponde “la Costa dei Trabocchi”, oggi strutture moderne, messe in sicurezza, illuminate a festa come tante piccole barchette pronte a salpare. Trattorie di mare, ma veri e propri ristoranti dove la bontà e la genuinità del menù si unisce con melodia e suggestiva bellezza allo spettacolo che offrono, dando la sensazione agli astanti di volare esattamente sulle onde del mare sottostante. Bellissima e unica la “Costa dei Trabocchi” dominata dall’alto in maniera davvero imponente, quasi a volerla vegliare, la Basilica di San Giovanni in Venere. Stupenda, notevole, invidiabile.

Ed è qui che abbiamo scelto, per il secondo anno di seguito, di realizzare il nostro festival, la diciottesima edizione del Festival Nazionale Adriatica Cabaret, unendoci così con onore e riconoscimento al calendario della stagione estiva 2018 della Costa dei Trabocchi. È dall’alto della collina della Basilica che partiranno i cori di risate e applausi che andranno a salutare i Trabocchi e le spiagge “traboccanti” di turisti e vacanzieri. Location insuperabile già sperimentata con incredibile successo nella precedente edizione del 2017 che vide la partecipazione di oltre tremila persone a sera. Un mare di risate dunque dal mare e verso il mare, in questa vallata bellissima, suggestiva,  surreale dove verrà consegnato il “Delfino d’ Oro 2018” al vincitore emergente che riuscirà a far ridere più di tutti, a questo concorrente alle prime armi che ha scelto la risata come spirito di vita,  a questo giovane che, con la sua freschezza, la sua fantasia, il suo coraggio e la sua generosità, sarà capace di regalarci una emozione da toglierci di dosso l’angustia delle difficoltà del momento contingente. Perché far ridere, divertire e dare serenità è come pregare, forse più che pregare, tanto che questa nostra allegra “preghiera” questa estate arriverà a salutare anche gli oltre cinquemila giovani soldati che, proprio nell’ultima guerra, hanno lasciato la loro vita propri qui, dove riposano in pace e per eterno di fronte alla Costa dei Trabocchi, nei cimiteri di Torino di Sangro e di Ortona.

Appuntamento per il 17 e 18 agosto quindi, davanti alla Abbazia di San Giovanni in Venere a Fossacesia per passare insieme momenti magici e spensierati e per salutarci come di consueto ogni anno con un brindisi di buon vino e qualche golosità tipica locale.

Sarà un festival traboccante di risate.

Vi aspetto.

Il vostro Ivaldo Rulli