Presentazione Festival 2012

img
Syntax error in album specification. Album does not exist: 3

Festival Nazionale Adriatica Cabaret (XII edizione)Siamo alla dodicesima edizione e, guardando un po’ indietro, ci accorgiamo che in dodici anni sono cambiate tante cose. Il Cabaret è usato spesso, forse anche troppo, come condimento indispensabile in questo pinzimonio televisivo che alterna i palinsesti con fiction, vetrine, giochi a quiz e programmi comici dove i protagonisti sono sempre loro: i cabarettisti. La comicità si mischia alla cronaca, gli ospiti allegri si confrontano con sinistri opinionisti agguerriti e tragici a suon di battute, barzellette, indici MIB e PIL. In ogni rotocalco appare un disincantatore umorista con la faccia rasserenante che stempra la triste realtà con tormentoni qualche volta anche piacevoli. Anche il fatto più tragico in Tv può diventare motivo di comicità. Forse si esagera. La comicità sta dilagando un po’ dappertutto e i comici lievitano a dismisura, aumentano di numero, si moltiplicano. Praticamente stiamo diventando tutti quanti comici. L’ Italia è diventata una nazione di improvvisatori, allegri, comici, barzellettieri. Ridiamo tutti, ridiamo sempre e così facendo “ ridiamo” fiducia anche a noi stessi.

In reazione a questo fenomeno però sta accadendo anhe un’altra cosa, anzi accadono altre cose.
Si sono impoverite le motivazioni della comicità, sono scaduti i temi e forse non c’è più molta fantasia, originalità. I comici infatti si scambiano di continuo battute di terza, quarta mano con nessuna capacità di rinnovarsi e, fatte le dovute necessarie eccezioni, si assiste ad un appiattimento che sa addirittura di apatia umorale. Addirittura qualche comico accanito a volte mette tristezza. Tanta.
E poi artisti storici, bravi collaudati, e soprattutto geniali hanno cambiato rotta e alla comicità hanno sostituito quasi totalmente la politica, magari con ironia, ma pur sempre vera politica. Grillo docet.
Mi vengono in mente con tristezza e nostalgia colonne storiche della risata italiana che oggi, di fronte a questo scenario scaduto del terzo millennio, ancor più ci ricordano il loro grande valore.
Aldo Fabrizi, Ugo Tognazzi, Walter Chiari, Franca Valeri, Paolo Panelli, Giorgio Gaber, I Gufi, Fernandel, Eduardo De Filippo, Franco e Ciccio e, non per ultimo, Totò.
Sappiatelo cari amici indimenticabili, oggi se vogliamo farci delle sane risate, spesso torniamo a cercarvi in televisione tra le “Porte a Porte “, I “ Ballarò “ , gli “ Infedeli “ e le tantissime “ Invasioni Barbariche “ . E ci accorgiamo che siete molto più vivi di tanti altri.
Comunque sia andiamo avanti, con forza, coraggio e soprattutto con tanta fiducia. Andiamo avanti perché a questo momento grigio di crisi mondiale, e non solo economica, seguirà con certezza un momento migliore e più roseo. Siamo critici nel presente ma fiduciosi nel futuro perché, così come Benigni ci insegna, La vita è Bella.
Vi aspetto tutti, come sempre alle Torri Montanare di Lanciano il 23, 24 e 25 Agosto prossimo per il consueto viaggio estivo verso la risata e verso la comicità. Vi aspetto tutti anche per brindare con voi ogni sera al vincitore del Delfino D’Oro 2012.

Adriatica Cabaret 6x3 2012Presentazione della XII Edizione a cura di Za Cuncettine De Pallòtte

Pe dìrle a la lancianèse è addavère nu mumènte disgrazijàte. E’ na paròle che tè succède, nìn si vède na lìre n’gìre. Ma li sòlde addò sta? Addò è jìte a finì? S’ha pèrse la sumènte. Jì so di lu trìdece e nìn me l’ aricòrde nu mumènte accuscì brùtte. A la Spàgne, pòvera’gènte, tènne li guàje cchiù di nù, a la Grèce le famìje intère nìm ‘pò cchiù magnà e nìn po’ cchiù campà. Accòma avèma fa, nnì li sàcce. E intànte le polìteche cuntìnue a rubbà, n’zì ni frèche di nijènte… Tènne la fàcce gnè la bbàsulàte… chi prìme arrìve mètte n’zaccòcce… e buonanòtte a li cantatùre. Li còse compà va màle addàvère.
Mo ci stà Mònte, puverèlle è bràve, ma sol’èsse che po’ fa? E’ quìlle che tè’ tòrne che sguàste la’ mmasciàte… S’avèssa aremannà tùtte quènte a la càse, accumijà da Andreòtte ( jì tenè quattr’ànne e èsse già cummannè a ‘Mòntecitòrie ), chell’ àtre, accòma si chiàme… D’ Alème, è cchiù di quarànt’ànne che cummànne, dìco jìo… n’avàste a cummannà? Mo jètevene a fatijà nu còne e facète cummannà l’ètre, macàre chiù giòvene di vù… chiù gentile e mène lazzaròne. Se putèsse, quantevvère dìje, le mannèsse tùtte quènte a fatijà a la càve de la vrècce a Lanciàne. A cumijà da Bèrluscòne, accòma nìn ‘zi nà bbrivògne, stu scùstumàte che accimènte le fèmmene e le criatùre, còre de sta màmme. Jì tènghe na penziòne di settecènte èure a lu mèse e ci’àrrìve tàcca tàcche a la fìne de lu mèse ma nù giòvene, dìco jìe, accòma a da fà? N’zì po’ spusà, nìn po’ campà e accuscì se sguàste tùtte. Jì na còse vòje dìre a ssà gènte che cummànne a Rome, jì tèngh na cèrte età e ve le pòzze dìre, nìn ci pazziète n’ghe la gènte, sentète a mè, ca si s’incàzze la gènte dapò tenète le guàje, avàste arrùbbà, m’bujèteve, sennò nìn si sà accòma se và’ finì…. Aècche la ggènte nìn po’ campà cchiù!!!
Beh! Vabbòne, comùngue jème nnànze e facèmeje ddù resàte n’ghe lu festivàll ca a mè me piàce tànte addàvère dapò pe lu rèste… dìje pruvvède…
Nu piacère però v’hàje addùmmànnà… dicèteje a quìss di lu cumùne ca ce l’ha da mètte càcche solde a lu festevàll sennò finisce pùre quèss e che cià’remàne a Lanciàne?
Macàre a lu pòste di cagnà li nùme a li piàzze e a le stràde ni è cchiù mèje a fàrie ddù resàte l’estàte?? Accuscì nnì jì scurdème nemmène la stòria nòstre ca passàte e la guèrre chème vìnte o ca ème pèrse…
Beh! Tànte salùte da Za Cuncittìne e m’areccùmmànne… menèteme a truvà…. ca ve fàcce magnà ddù pallòtte. Ciàve!

Vai la Gallery