Presentazione festival 2016

img

ivaldo 2Salve, con grande meraviglia nostra, e forse anche vostra, siamo ancora qui a parlare di Festival Nazionale di Cabaret, e cioè della sedicesima edizione di questo appuntamento che tanto ha caratterizzato le estati lancianesi, anzi diciamolo pure, le estati abruzzesi in questo inizio del terzo millennio.
Un incontro piacevole, divertente, entusiasmante. Estivo. Dove ci si rivede sempre volentieri e sempre con il sorriso sulle labbra. Dove le urla di risate riecheggiano da dentro le meravigliose mura della Piazza d’Armi delle Torri Montanare di  Lanciano, suggestiva location che bellissimamente ed armoniosamente si unisce al clima di spettacolo e divertimento che il Festival ogni anno propone. Con grande meraviglia dico perché i tempi in questi sedici anni sono davvero cambiati, purtroppo peggiorati. Si vivono momenti di grande tensione sociale, si subiscono attentati quotidianamente, l’Europa rimessa in discussione e l’Inghilterra che le gira le spalle con il referendum e la Turchia invece che la rinnega dei principi universali.
Poi la crisi economica e l’ instabilità dei mercati rendono più vacillanti le imprenditorie di mezzo mondo.
E Lanciano nel suo grande piccolo ne risente. Ne risente quindi anche tutto il comprensorio con i suoi operatori e il tutto si traduce in una diminuzione notevole di budget, contributi e sponsorizzazioni. Ma siamo ancora qui, pieni di entusiasmo e forza. Siamo pronti anche quest’anno a scendere in campo (piazza d’Armi) per regalarvi momenti di spensieratezza e di vacanza mentale. In una parola, di divertimento.
Ci saranno brillantissimi ospiti molto conosciuti e amici del Festival, ci saranno concorrenti volenterosi e simpatici uniti in una squadra che vi regalerà risate a non finire. Ci saranno giornalisti, registi, e attori. E ci sarete voi amici affezionati e sinceri. Voi che non mi avete mai abbandonato, il mio pubblico leale e riconoscente che mi piace salutare già da subito.
Lanciano è orgogliosa di questa manifestazione che oramai è solidamente consolidata e culturalmente parte integrante della estate Frentana. Lanciano vuole questo Festival e lo aspetta ogni anno con fedele devozione e piacevole tensione. E chi deve interpretare tutto questo, chi deve assolvere questo compito ha l’ obbligo morale, oltre che culturale, di accontentare il popolo/pubblico lancianese. Chi ha la facoltà di amministrare questa città deve capire, con onestà intellettuale, che una manifestazione così importante, così radicata nella città va aiutata, promossa, garantita. Salvata.
Senza nessuna retorica e soprattutto senza puntare nessun dito verso chiunque voglio solo sottolineare che tutte le manifestazioni estive hanno una loro logica e una loro dignità e soprattutto non possono e non devono essere ignorate o addirittura dimenticate dal Comune quando invece altre manifestazioni, per nulla autosufficienti, vengono totalmente sorrette dalla pubblica amministrazione cittadina.
L’Associazione di Spettacolo Adriatica Cabaret si autogestisce con la sua autonoma produzione di spettacoli e con l’aiuto degli sponsor e a loro va il suo grandioso abbraccio e sincero ringraziamento.
Buon divertimento e buon appetito a tutti, si perché quest’anno gli stand gastronomici saranno presenti tutte tre le serate e quindi ogni sera a fine spettacolo ci saluteremo gustando gli ottimi prodotti gastronomici ed enologici offerti gratuitamente dagli sponsor di Adriatica Cabaret.

A cura di Ivaldo Rulli; direttore artistico del Festival